REALIZZARE IL “BENE COMUNE”

Essere cittadini è un grande onore ma anche una grande responsabilità. Spesso ci lamentiamo dei politici, di quanto siano inadeguati i nostri governanti e di come il Paese non funzioni. Tutte cose vere, sacrosante, ma cosa facciamo veramente per sanare queste situazioni?

 

 

È evidente che se lasciamo tutto com’è, non ci sarà nessun miglioramento. Dobbiamo impegnarci in prima persona. Dobbiamo essere noi il cambiamento. Cominciamo con il dedicare tempo, passione e intelligenza per migliorare i luoghi dove viviamo. Lo so, non è facile, perché non vogliamo essere come quei politici che disprezziamo. Abbiamo vergogna, timore di “sporcarci”. Però spetta a noi iniziare una nuova fase, una rinascita veramente democratica che partendo dal basso ricrei il concetto stesso di politica.

Il rinnovamento deve iniziare dalle cose concrete. Dalla realtà che ci circonda, dai nostri Municipi, dalla nostra città; per poi diventare un’onda lunga che rimoduli completamente la politica nazionale ormai bloccata in sterili contrapposizioni.

La nostra democrazia si limita ad un segno apposto su una scheda. E, invece, dovrebbe essere partecipazione, condivisione di obiettivi, controllo costante della cosa pubblica. Prendiamo il coraggio di decidere in prima persona, di stabilire liberamente che cosa è meglio per noi. Non possiamo continuare a delegare chi ci ha sempre delusi.

Solo noi possiamo veramente realizzare il “Bene Comune”, perché nessuno può tutelare i nostri interessi meglio di noi stessi.

A Roma è nata Revoluzione Civica proprio per realizzare questa sogno.

Marco Di Mico

https://revoluzionecivica.it/chi-siamo/
https://www.facebook.com/REvoluzioneCivica

°
°
°

PRENDIAMOCI LA POLITICA E LA LIBERTA’. INVERTIAMO LA ROTTA

DESTRA, SINISTRA, O REVOLUZIONE CIVICA?

PRENDIAMOCI LA POLITICA E LA LIBERTA’. INVERTIAMO LA ROTTA

I portiti politici sono dei Panzer che procedono spediti sulla loro strada. Niente può fargli cambiare rotta se non una bordata sparata da un altro partito-carro armato. In questo contesto i cittadini possono schierarsi dietro uno oppure l’altro mezzo corazzato ma non possono certo modificarne la traiettoria. E allora qual è il nostro ruolo? Quello di votare il partito che reputiamo il meno peggio. Tutto qui.
Ma dei nostri bisogni, dei nostri interessi, delle nostre reali necessità chi se ne occupa? C’è un iato incolmabile tra gli elettori e i politici e questo deve finire. Non ci sarà mai vera democrazia e la sovranità non apparterrà mai al popolo finché i cittadini non potranno indirizzare la politica del Paese in modo attivo. Senza il benestare o l’appoggio di un “potente” nessuna idea popolare potrà realizzarsi. È giunto il momento di invertire la rotta. Perché è ormai evidente che la classe politica molto spesso è meno istruita, meno preparata e meno capace di chi vota. Non ho menzionato la parola onestà perché quella dovrebbe essere sinonimo nel termine politico.

Bisogna, però, che i cittadini si impegnino per cambiare le cose, che credano nella possibilità di creare una politica che venga dal basso, che si alleino e che si ascoltino vicendevolmente. Per questo è importante il ruolo delle liste civiche. A Roma Revoluzione Civica nasce dall’esperienza del VII Municipio e del suo Presidente Monica Lozzi (https://revoluzionecivica.it/chi-siamo/ https://www.facebook.com/REvoluzioneCivica) ma il suo intento è quello di esportare anche a livello nazionale un modello di partecipazione e di collaborazione fra cittadini che si è dimostrato estremamente efficace.

Ripartire dal basso è possibile.

Marco Di Mico

https://www.facebook.com/PresidenteMunicipioVII

https://revoluzionecivica.it/

DESTRA, SINISTRA, O REVOLUZIONE CIVICA?

Dobbiamo necessariamente sempre dividerci in fazioni, in visioni del mondo esclusive e contrastanti? Oppure è possibile una collaborazione fra cittadini per ottenere dei semplici e concreti risultati? La politica del comune deve rispecchiare un’ideologia o rendere la nostra vita più facile?

A Roma è nata Revoluzione Civica (qui il link https://revoluzionecivica.it/linee-guida-programma/) proprio con l’intento di costruire una rete di cittadini che collaborino per far crescere i propri municipi e la propria città. Che vogliano realizzare quei miglioramenti necessari per rendere la loro vita e quella dei propri figli più semplice e, al tempo stesso, più ricca e stimolante. L’idea è quella di costruire dal basso per intervenire con efficacia sul territorio senza disperdere risorse e tempo nei cunicoli oscuri della politica con la P maiuscola.

Revoluzione Civica parte dai successi ottenuti nel VII Municipio e dal suo Presidente Monica Lozzi (https://revoluzionecivica.it/chi-siamo/) ma il suo intento è quello di arricchirsi attraverso il libero contributo e le energie dei cittadini.

Per saperne di più: https://revoluzionecivica.it/ 

 

Marco Di Mico